TUTTO ESAURITO IL “MARULLA” ORA TOCCA VINCERE L’ULTIMA GARA

Eliseno Sposato

Eliseno Sposato

A sei giorni dal fischio d’inizio della gara di ritorno del playout tra Cosenza e Vicenza, arriva il dato più atteso, da poco comunicato dalla società silana:il San Vito-Marulla registra il tutto esaurito con circa 20.000 biglietti venduti in pochi giorni.

Questo ennesimo exploit dimostra, caso mai ce ne fosse bisogno, che il Cosenza può sempre contare sui suoi tifosi nei momenti importanti, ma che potrebbe mantenere questi livelli di fedeltà se solo il presidente Guarascio si mettesse in testa, una volta per tutte, di allestire una squadra degna del blasone di questa città e della sua provincia.

Dispiace dirlo ma questa è una cosa che non è mai avvenuta in questi lunghi anni sotto la sua proprietà, per questo il popolo rossoblù demanda al suo zoccolo duro di essere al fianco della squadra, che siano ultras oppure tifosi “malati Du Cusenza” che ci sono oggi come c’erano ieri, che ci saranno sempre a, sostenere i colori rossoblù.

Questo è un amore incondizionato che va alimentato di continuo e non mortificato come è accaduto negli ultimi anni, dove non si è mai stati capaci di programmare non solo una stagione degna di questo nome, ma neanche la politica dei piccoli passi che facesse crescere la squadra per allontanarla dai bassifondi della classifica, dove da anni si raccolgono amarezze.

Non pretendiamo che vengano allestiti squadroni a suon di milioni, anche se un po’ di quelli incassati sarebbe giusto spenderli, ma squadre degne della Serie B che oggi si occupa, fatta di calciatori di categoria che sappiano legarsi al Cosenza e siano consapevoli di indossare una maglia di grande tradizione, come hanno fatto tutti i calciatori che per noi si sono battuti dal 1914 ad oggi.

Come dimostrato anche questa volta, quando il Cosenza chiama, Cosenza risponde. Ora la palla passa ai nostri ragazzi, che ci avranno al loro fianco, come sempre ad incitarli con un solo grido: Forza Lupi!

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social