Bisoli:”Il primo obiettivo è stato raggiunto. Ora completiamo con un capolavoro. Questo pubblico mi emoziona…”

Marco De Paola

Marco De Paola

Queste le parole rilasciate da mister Bisoli dopo la gara con il Cittadella che ha permesso al Cosenza di agguantare il play-out da disputare contro il Vicenza, con gara di ritorno al San Vito – Marulla. Al Cosenza basteranno due pareggi per mantenere la categoria.

Complimenti mister. Non so quale altro allenatore avrebbe avuto il coraggio di mandare in campo Zilli che di fatto le ha regalato i play-out. Il suo obiettivo dichiarato è stato raggiunto grazie ai suoi 16 punti. Il Cosenza non ha mai mollato ed ora essendo quintultimo per mantenere la categoria basteranno due pareggi. Saranno 180 minuti da giocare con il sangue agli occhi.

“Se torno indietro di 12 giorni, prima della gara contro il Monza, non c’era una persona che avrebbe scommesso un centesimo sul Cosenza ai play-out. Dobbiamo ringraziare i giocatori, il pubblico che fa emozionare e la società che mi ha permesso di conoscere Cosenza. In 14 partite abbiamo ottenuto 16 punti. Oggi abbiamo fatto la gara, loro erano bravi. Ho tentato il tutto per tutto con Zilli che non solo ha segnato, ma ha giocato da veterano, tenendo palla. Il settore giovanile del Cosenza ha fatto un lavoro straordinario, consegnandomi Zilli e Florenzi, che secondo me oggi ha fatto una grandissima partita nel ruolo su cui secondo me costruirà la sua carriera: davanti alla difesa. Ha delle doti importanti in quel ruolo”

La mossa di Zilli al posto di un difensore la aveva pensata oppure ha approfittato dell’infortunio di Venturi? Con questa mossa ha vinto la partita.

“Abbiamo provato 2-3 sistemi di gioco e questo era quello della disperazione. L’infortunio mi ha spinto a fare il cambio. Ho rischiato, ma è andata bene. Il goal è stato preparato, poi Zilli è stato straordinario”.

Il play-out è suo. Le va dato come merito, in quanto ha dato lo spirito combattivo a questa squadra. Le ultime due partite, a Pisa ed oggi, sono il suo Cosenza?

“Si. Noi siamo quelli che non rischiano nulla. Arrivare a questo ci è costato del tempo. Gli avevo promesso che domani gli avrei concesso un giorno libero e di festeggiare stasera. Io domani andrò in Sila. Noi siamo stati bravi, ma anche loro hanno fatto un’ottima gara. Anche i subentrati hanno fatto benissimo”.

Complimenti per il raggiungimento del play-out. Oggi il Cosenza ha giocato in 13: gli 11 calciatori, il pubblico e Bisoli che a stento è stato trattenuto dal quarto uomo.

“Hai pienamente ragione. Ho rischiato anche di fare un fallo tecnico ad un avversario. Il pubblico oggi è stato fantastico e spero che nella gara di ritorno del play-out ci sia ancora questa atmosfera. Spero di fare il giro di campo a cantare l’inno. Le mie squadre regalano sempre emozioni. Abbiamo il 51% noi ed il 49% loro, speriamo di sfruttarlo. Il ritorno in casa può farci aumentare un punto percentuale, quindi diciamo 52%”.

È contento di aver beccato il Vicenza o preferiva l’Alessandria?

“Non ci sono preferenze, noi dovevamo guardare a noi. Ci interessava l’altra gara solo se non riuscivamo a vincere. Noi siamo arrivati all’obiettivo con una grande spinta. Ora avere il ritorno in casa ed il vantaggio della posizione di classifica può essere importante”.

Lei aveva promesso che avrebbe portato il Cosenza al play-out. Oggi cosa promette?

“Non prometto nulla. Io oggi sono stanchissimo. Non portare il Cosenza al play-out sarebbe stata una sconfitta come uomo. Ora tutti insieme dobbiamo fare il capolavoro. Domani deciderò quando partiremo per Vicenza e dove prepareremo la gara”.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social