Dallo strepitoso gol d’autore di Catanese, all’eurogol di Maggiolini, dal pari di Tiritiello nei minuti finali alla rete di Vanigli in Coppa Italia. Storia di Spal-Cosenza

Ernesto Pescatore

Ernesto Pescatore

Spal e Cosenza si sono incontrate per la prima volta il 6 giugno 1993, in serie B. Alla penultima giornata, finisce contro la Spal la bella avventura dei “lupi”, generosi protagonisti di un torneo che avrebbe meritato un epilogo migliore. De Rosa colpisce il palo al 15’ sullo 0-0, poi Nappi segna su calcio di rigore al 19’. Su calcio di punizione, al 58’, Catanese realizza il pari con uno strepitoso gol d’autore ma a due minuti dal termine è ancora Nappi a segnare la rete del 2-1.

Dopo 16 anni, le due squadre si incontrano nel Campionato di Prima Divisione il 23 agosto 2009, alla prima giornata. La formazione silana, che ha ben impressionato nella Coppa Italia, inizia questa stagione in casa di una nobile decaduta, quella Spal, un tempo di proprietà dei Pagliuso. La formazione di casa è accreditata come possibile outsider, con alcuni elementi di categoria superiore e con la “stella” Arma, marocchino cercato da mezza serie B. La Spal passa in vantaggio al 79’ grazie proprio ad Arma che, appostato al limite dell’area sfrutta un clamoroso errore di Pinzan che in uscita blocca la sfera ma, ricadendo la perde consentendo al marocchino la facile battuta a rete. Il pareggio del Cosenza giunge all’85’ grazie ad un eurogol di Maggiolini che dalla sinistra rientra saltando due avversari e spedendo un missile, di destro, sotto l’incrocio dei pali imprendibile per Capecchi.

Terzo ed ultimo incontro nella passata stagione, il 3 ottobre. Un Cosenza che non ha mollato fino alla fine riesce a cogliere un meritato pareggio a Ferrara contro la favorita per il ritorno in serie A. Al 47′ doppia parata di Falcone del Cosenza che mette in angolo. Sulla battuta del corner, Salamon salta libero in area e porta in vantaggio la Spal. Ultimo cambio per il Cosenza a due minuti dal termine: Tiritiello prende il posto di Ingrosso. E proprio il difensore silano, al 94′ raccoglie un cross perfetto di Baez e tira in porta, nulla può Valoti che sulla linea di porta cerca di evitare il gol: è l’1-1.

Un precedente anche nella Coppa Italia 1993-94; nel primo turno eliminatorio, il 22 agosto. Gara bella ed avvincente, combattuta e nervosa che rischia di degenerare verso la fine del primo tempo quando si scatena una maxi rissa, sedata a stento dal Sig. Boggi. Cosenza ben disposto e Spal determinata ed aggressiva. I “lupi”, dopo un primo tempo ordinato ed equilibrato, subiscono nella ripresa il gioco dei locali che passano con un preciso colpo di testa dell’ex reggino Bizzarri ben imbeccato da Olivares, autore di una brillante azione sulla fascia. La replica dei rossoblù non si fa attendere e Maiellaro riporta il confronto in parità trasformando un penalty concesso con una certa magnanimità per una spinta ai danni di Marulla. I tempi regolamentari si chiudono sull’1-1 e la soluzione più probabile sembra il ricorso ai calci di rigore. Ma al 9′ del secondo tempo supplementare, Signorelli, dopo una buona discesa, mette al centro un pallone invitante, irrompe Vanigli che anticipa tutti e di piatto depone alle spalle di Brancaccio. Il Cosenza inizia con il piede giusto la nuova stagione agonistica conquistando la qualificazione al 2° turno di Coppa Italia.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social