Un arbitro indegno regala il pari al Lecce

L'arbitro Marinelli
Roberto Stancati

Roberto Stancati

Arbitra male Marinelli che sin dall’inizio assume un atteggiamento intimidatorio nei confronti dei silani che alla fine conteranno 8 ammoniti più l’espulsione al triplice fischio del trainer Bisoli dopo un alterco con Baroni. Un solo ammonito tra i salentini in una direzione sbilanciata e poco lucida, anche l’esagerato recupero finale considerato che il Cosenza ha fatto due cambi prima dell’inizio della ripresa, guarda caso nell’ultimo di recupero il Lecce trovava in mischia il pareggio. Per il resto giusto il rigore concesso ai giallorossi per evidente fallo di mano e neutralizzato dal bravo Matosevic ma, lasciando stare gli episodi, è stato l’atteggiamento che non ha funzionato con la politica dei due pesi e due misure della quale il Lecce da grande squadra ha alla fine sfruttato senza averne bisogno. Per essere un buon arbitro c’è bisogno di altro, di pacatezza, di senso di responsabilità, di equilibrio, tutto quello che è mancato all’arbitro romano incapace di tenere in mano la gara se non distribuendo cartellini sempre e solo ai giocatori silani condizionando, di fatto, la gara, facendo giocare il Cosenza sempre con il patema dell’espulsione. Una direzione a dir poco indegna della maglia che indossa. Buona la direzione degli assistenti.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social