Camporese: “vincere domani per il nostro pubblico che ci serve tanto in questo finale di stagione”

Eliseno Sposato

Eliseno Sposato

Poche volte in queste ultime stagioni si è visto un calciatore silano protagonista della conferenza stampa che anticipa il turno di campionato. Oggi è toccato a Michele Camporese, uno dei tanti volti nuovi del Cosenza calcio.
Nelle ultime due gare la squadra ha incassato cinque reti, troppe per chi deve salvarsi. Da cosa è dipeso?
“Può dipendere dal fatto che ci conosciamo relativamente poco con i compagni e i turni infrasettimanali del campionato non ci hanno permesso di allenarci bene sul campo.  Nell’ultima gara abbiamo avuto delle difficoltà sulle palle inattive per cui c’è da migliorare questo aspetto e lavorare meglio sul resto”.
Domani ci sarà un altro scontro salvezza, come affronterete l’Alessandria e che umore si respira nello spogliatorio?
“L’ambiente è positivo come dovrebbe essere, al di là dei risultati che stiamo ottenendo ci sono ancora tante partite per centrare la salvezza, fosse anche all’ultimo minuto dell’ultima giornata. Come tutte le altre squadre sia noi che l’Alessandria non ci arriviamo al 100% visti gli impegni ravvicinati che abbiamo affrontato e che hanno tolto energia un po’ a tutti. Abbiamo cercato di sistemare alcuni dettagli e lavorare anche sulle palle inattive. Da quando è arrivato, Mister Bisoli ci ha chiesto la massima attenzione”.
Che differenze hai riscontrato tra mister Occhiuzzi e Bisoli?
“Non posso giudicare il lavoro di Mister Occhiuzzi perché dopo poco che sono arrivato sono risultato positivo e non ho potuto lavorare con lui. Bisoli lo conosco da anni visto che mi ha allenato quando ero a Cesena. È un allenatore di categoria, la conosce meglio di noi, io sono abituato che l’allenatore vada seguito in tutto e per tutto. Mister Bisoli com’è il suo carattere ci ha già trasmesso la voglia di non demordere e lo spirito di sacrificio che serve per raggiungere la salvezza”.
Bisoli nella difesa a tre ti vede più come laterale anche se tu sei un centrale.
“Lui conosce bene le mie caratteristiche e mi ha chiesto di fare il “braccetto” perché come Rigione posso portare palla in avanti ed io mi sono prestato alle sue richieste. Certo se mi chiedete dove mi piace giocare, preferisco il ruolo di difensore centrale, e posso ricoprirlo al meglio, ma sono al servizio della squadra e dei compagni”.
Che impressione hai avuto della città e come ti trovi a Cosenza?
“Mi trovo bene. C’è una Società che ti permette di fare calcio, anche se, come in tante squadre del sud che ho girato, non esistono strutture di livello, ma non manca nulla per lavorare bene. Ho trovato un ambiente molto sano”.
Che potenzialità pensi abbia il Cosenza?
“A livello di individualità, ha giocatori molto buoni dal punto di vista tecnico per questa categoria. Naturalmente poi per ottenere i risultati si deve creare un’alchimia nel gruppo. Ci vuole un po’ di tempo perché nessuno ha la bacchetta magica per farlo in breve. Sono sicuro che troveremo presto la nostra strada perché abbiamo un Mister preparato, un giusto mix tra calciatori d’esperienza e giovani con un buon potenziale”.
Come ci si salva in questo campionato?
“Difficile fare previsioni. Basta guardare il Cosenza di due ani fa che si salvo incredibilmente con una serie di partite vinte quando tutti la davamo per spacciata. Si deve ragionare partita dopo partita. Pensiamo all’Alessandria e come fare per superarla domani, poi penseremo alla prossima gara”.
È una partita da ultima spiaggia?
Assolutamente no.  Si tratta di una gara certamente importante che dobbiamo vincere per raggiungere l’Alessandria e buttarla dentro alla lotta salvezza. Abbiamo visto nelle ultime giornate come questo campionato sia aperto ad ogni risultato perché anche le squadre di testa possono perdere con quelle di coda”.
Domani dovrebbe tornare il pubblico sugli spalti, quanto è importante avere a supporto il tifo caloroso come quello del Cosenza?
“Quando si parla di dodicesimo uomo in campo non è una frase fatta. In certi momenti della partita avere il pubblico a favore, ti consente di trovare quelle energie che per stanchezza ti vengono a mancare. Domani vogliamo ottenere una vittoria anche per riconquistare il pubblico ed averlo dalla nostra parte perché in questo finale di stagione ne abbiamo tanto bisogno”.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social