Bisoli:”Resta il rammarico, ma questo Cosenza non è da quartultimo posto”

Marco De Paola

Marco De Paola

Queste le parole rilasciate da mister Bisoli al termine del pirotecnico pareggio tra Cosenza e Crotone, con il derby che si è chiuso sul punteggio di 3-3. Il Cosenza vede sfumare una vittoria che a 3 minuti dalla fine sembrava in tasca.

Tanta grinta. Gara emozionale. Cosa ne pensa?

“Nel primo tempo abbiamo giocato un calcio molto verticale, non proprio da quartultimo posto. Abbiamo messo in grossa difficoltà il Crotone che ha segnato su 3 calci piazzati, tra cui un rigore. È vero che abbiamo rischiato anche di perderla perché Vigorito ha fatto una grande parata. Ma questo è il calcio. Noi sul 2-2 potevamo morire, invece abbiamo reagito bene andando di nuovo in vantaggio. Peccato perché mancavano due minuti e quando fai cambi forzati. Alla fine ho messo dei difensori per avere forza fisica sui calci piazzati, ma non è bastato”.

Pregustava la vittoria. Dopo un ottimo primo tempo, cosa ha fatto scaturire quella prestazione nella ripresa del Crotone?

“Avevo avvisato i miei calciatori che avrebbero messo tutti avanti. Kargbo ci ha messo in difficoltà. Noi non siamo stati bravissimi, ma poi sul 2-2 abbiamo ricominciato a giocare. Il punto oggi è dei ragazzi. C’è un po’ di paura perché non vinciamo da 15 partite. Oggi la squadra ha reagito e siamo a 5 punti dal Crotone, che non sono pochi”.

È più contento della reazione dei suoi ragazzi o scontento di non aver ottenuto i tre punti? Come si reagisce ad una gara del genere dato che sabato ci sarà un altro scontro diretto?

“Di sicuro sono scontento per i due punti persi. Prendo però anche il buono della partita di oggi. A due minuti dalla fine però quella palla non doveva passare. Avevamo un patto con i ragazzi: se avessimo pareggiato avrei offerto loro una cena a pesce e lo rispetterò. Ho chiesto ai tifosi ed alla società di avere pazienza fino al 19. Poi faremo una piccola preparazione fisica, perché io chiedo un calcio molto dispendioso”.

È stato un Cosenza anche cinico, specie sul goal del 3-2. Che progressi ha visto?

“Abbiamo giocato un calcio verticale. I goal sono tutte situazioni preparate. Con il 2-2 mi ero spaventato, ma poi abbiamo ricominciato a giocare”.

Fino al primo goal la gara era equilibrata. Quei cambi sul finale hanno schiacciato il Cosenza in area ed ha fatto perdere sicurezza?

“No. Noi abbiamo un problema sui calci piazzati, quindi il nostro è un problema strutturale. Ho cercato di mettere fisicità in campo. Mi dispiace anche non aver fatto i 5 cambi. Il Cosenza oggi ha dimostrato di avere carattere e di saper giocare a calcio. Il Crotone ad inizio campionato era partito per vincere il campionato, quindi è una ottima formazione”.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social