Primavera: tracollo Cosenza

Riccardo Tucci

Riccardo Tucci

Una difesa che definire imbarazzante è di gran lunga un complimento; un centrocampo lento, arruffone, impreciso, incapace di contrastare ed in balia dei volenterosi giocatori granata che ne hanno disposto come meglio hanno voluto; un attacco inesistente, inconcludente che è stato capace di produrre il primo tiro (chiamiamolo tiro) in porta al quarto d’ora della ripresa. Questa è la sintesi della disfatta casalinga del Cosenza al cospetto della Salernitana. Gli ospiti non hanno fatto altro che approfittare dell’insipienza dei silani per trafiggerli cinque volte con una facilità estrema. Il primo gol dopo cinque minuti grazie alla solita disattenzione difensiva, il secondo con un rigore per uno sciagurato intervento di Szyszka, il terzo su una scena da film horror messa in piedi da portiere e difensore che consegnano la palla a Cannavale. Il quarto è una clamorosa svista dell’arbitro, il più che mediocre Calzavara che viene colpito dal pallone e, secondo regolamento, deve interrompere il gioco e far riprendere con una palla a due, ma evidentemente a Varese questa regola non esiste, infine quarto e quinto gol con due ripartenze che hanno infilato la maldestra difesa rossoblù. Un’altra perla dell’arbitro è stata nella ripresa quando Zilli anticipa con la punta del piede un avversario che lo colpisce da dietro, sarebbe rigore ma per l’arbitro è punizione per la Salernitana … errore clamoroso. Due cose ci sono da registrare, una negativa ed una positiva, iniziamo, purtroppo, dall grave infortunio occorso al difensore centrale della Salernitana che, a due minuti dal termine, per contrastare un attacco di Zilli, ha messo male il piede e gli ha ceduto la caviglia, fra le urla del giocatore e le facce disperate dei compagni; la nota positiva è il ritorno in squadra (seppure in panchina) di Emanuel Muto che è stato convocato dopo il brutto infortunio di un anno fa proprio contro la Salernitana. Questo il tabellino del match:
Cosenza: Borrelli, Cimino, De Rogatis (32’ Maccari), Aceto, Szyszka, Sirimarco, Spingola, Caracciolo, Di Fatta, Caizza, Zilli. A disposizione: Poverini, Di Stasi, Bapignini, Portogallo, Muto, marino, Gigliotti, Esposito, Arioli, Costanzo. All. Antonello Altamura
Salernitana: De Matteis, Marangoni, De Lorenzo (70’ Cipriani), Russo, Tumminelli, Perrone, Palmieri (63’ Guerra), Sabatino (75’ Visconti), Cannavale (70’ Guida), Bammacaro, Lanari (75’ Saponara). A disposizione: Sorrentino, Petriccione, Siena, Giardinetti, Grasso, Iuliano. All. Gianluca Procopio
Arbitro: Andrea Calzavara di Varese
Assistenti: Marco Colaianni di Bari e Pio Carlo Cataneo di Foggia
Marcatori: 5’, 32’ (rig.) e 50? Cannavale, 61’ Bammacaro, 72’ Russo
Note: la gara è stata disputata sul terreno di gioco dello stadio “Romolo Di Magro” di Taverna di Montalto (CS) alle ore 14:30. Giornata di sole. All’88’ grave infortunio di gioco a Tumminelli per una sospetta distorsione alla caviglia, il giocatore dopo i soccorsi è stato accompagnato in ambulanza al nosocomio cittadino per gli accertamenti. Ammoniti: 42’ Zilli e Perrone per reciproche scorrettezze, 51’ Cannavale per essersi tolto la maglia dopo una rete. Calci d’angolo 6-2 per il Cosenza (p.t.: 4-2). Tempo recuperato: p.t.: 2; s.t.: 7.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social