Zaffaroni:”Abbiamo fatto il massimo, ma ora è importante recuperare le energie”

Marco De Paola

Marco De Paola

Queste le parole rilasciate da mister Zaffaroni al termine del derby di Calabria disputato al San vito  Marulla, che ha visto la Reggina vincere il match con il punteggio di 1-0 ai danni dei Lupi.

I numeri danno dei valori, il Cosenza 13 tiri mentre la Reggina 12, ma in porta un tiro del Cosenza contro i due della Reggina. Il Cosenza perde il derby per la solita palla persa a centrocampo. Gori non era il solito, come mai non è uscito prima?

“La partita era in grande equilibrio ed è stata condizionata da questa nostra ingenuità. Complessivamente credo che abbiamo fatto la gara che dovevamo fare. Si poteva risolvere solo con un episodio. Abbiamo creato anche alcune occasioni. Dopo il goal, in un primo momento abbiamo fatto confusione, poi ci siamo sistemati e siamo avanzati, potendo subire qualche contropiede. C’è dispiacere per la sconfitta, ma i ragazzi hanno messo tutto in campo e dopo la sosta dobbiamo ripartire alla grande”.

Aglietti ha confermato come la loro prima preoccupazione era quella di non prendere goal, temevano il Cosenza. I lupi secondo me hanno dato il massimo, quindi per competere maggiormente questa squadra dovrà essere rafforzata a gennaio.

“Sicuramente dobbiamo migliorare tanto. Sia oggi che a Lecce abbiamo giocato contro due squadre molto forti. Abbiamo controbattuto con le nostre armi. Noi dobbiamo guardare a noi e vedere che possiamo migliorare tanto. Innanzitutto dobbiamo recuperare alcune defezioni. Sarà un’annata di grande lavoro e sacrifici, ma io credo che la squadra possa riuscire a raggiungere il nostro obiettivo”.

Nelle ultime quattro partite tre sconfitte ed i fischi finali la dicono tutta sull’umore della squadra. È sembrato comunque che la difesa non riesca ad uscire sull’attaccante per evitare che vada al tiro. Inoltre il Cosenza sembra non riuscire ad imporre il proprio gioco a prescindere dal valore dell’avversario, sarà così per tutto il campionato?

“Credo che il valore dell’avversario sia un aspetto principale, perché le gare si preparano studiando l’avversario. Ripeto che Benevento, Lecce e Reggina sono tre squadre toste, costruite per vincere il campionato, quindi dobbiamo controbattere con tutte le nostre forze. Non siamo riusciti a rimettere in piedi la partita, ma ai ragazzi non posso imputare nulla”.

Un buon Cosenza, ma con pochi tiri in porta. Quanto incide la mancanza di una preparazione in alcune fasi della gara? Si entra nella fase più ruvida del campionato, con il Cosenza che dovrà salvarsi chiedendo aiuto anche al mercato di riparazione.

“Sono d’accordo. Sul discorso della preparazione fisica dico che incide poco perché abbiamo raggiunto una buona forma. Il problema sono gli infortuni ed il fatto di conoscersi un pochino meglio. Specie in questo ultimo periodo non ci siamo allenati tantissimo per via delle gare ravvicinate. Dobbiamo sfruttare la sosta per recuperare al massimo”.

Una sosta importantissima in questo momento. L’inizio con la mancanza della preparazione incide e questa sosta può aiutare. I tempi di recupero degli infortunati?

“Alcuni infortuni sono di piccola entità e che si risolvono nel giro di 15 giorni. Il problema sono gli infortuni di lunga durata, che pensavamo si risolvessero prima del dovuto. Il nostro percorso sarà tosto, ma dobbiamo raggiungere il nostro obiettivo”.

Sembra che il Cosenza ora diventi prevedibile. Ha pensato a qualche cambio, come ad esempio Millico per Caso?

“Si si, per quanto riguarda Millico è anche un problema di condizione. Per quanto riguarda il discorso tattico bisogna considerare che fare tutto subito non è semplice. Non abbiamo ancora le condizioni per creare troppe cose diverse. Ora dobbiamo tornare a trovare la nostra identità, per poter poi fare degli aggiustamenti”.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social