Quando ad Alessandria i giocatori silani trovarono la porta aperta degli spogliatoi e la mancanza dei portafogli! Storia di Alessandria-Cosenza

Ernesto Pescatore

Ernesto Pescatore

Alessandria e Cosenza si sono incontrate ad Alessandria tre volte, tutte in serie B.

Il 22 aprile 1962, dopo una settimana di ritiro presso l’albergo “Villa Prealpi” di Sant’Ambrogio di Varese, i “lupi” tornano a casa con le mani vuote dal doppio turno esterno consecutivo (Como-Cosenza 2-1 e Alessandria-Cosenza 3-0). Malgrado la generosa gara di Orlando, vero gladiatore, i rossoblù non sono riusciti a contenere le sfuriate dei locali. Primo tempo equilibrato, sebbene caratterizzato da un netto predominio territoriale dei padroni di casa. Infausta ripresa per il Cosenza infarcita da vistosi scompensi in difesa e deleteria precipitazione all’attacco. Un Cosenza rassegnato e senza mordente viene travolto dalla foga dell’Alessandria. Ad inizio di ripresa due corner e due gol in fotocopia, in soli cinque minuti realizzano Cappellaro al 48’ e Migliavacca al 53’. All’80’ Cappellaro chiude i conti sul 3-0.

Nella stagione 1962-63, il 28 ottobre, alla settima giornata, il Cosenza esce indenne dal “Moccagatta”. Ottima organizzazione difensiva dei silani che, giovandosi del rientro in mediana di Federici, oppongono una strenua resistenza agli assalti dei “grigi”. Al 46′ del primo tempo, in pieno recupero, il Cosenza sta per capitolare: su calcio d’angolo, il portiere Ravera esce a vuoto e quando la palla sta per valicare la linea bianca viene miracolosamente respinta da Fontana. Al 60′ Dalla Pietra, dopo aver superato tre avversari, si porta solo davanti a Nobili: l’occasione è ghiotta ma il rossoblù, anziché concludere a rete, preferisce un passaggio verso un compagno e l’azione sfuma. Finale di gara concitato e nervoso in seguito ad un brutto fallo di Marmiroli su Bassi che rialzandosi reagisce verso lo stesso; l’arbitro non scorge le scorrettezze e gli animi si surriscaldano. Sospensione per tre minuti. Poi tutto si placa.

Terzo ed ultimo incontro ad Alessandria il 17 maggio 1964. I “lupi” bloccano i grigi sul nulla di fatto. I rossoblù, che dispongono di un Orlando “mattatore”, controllano agevolmente la partita e danno l’impressione di accontentarsi del pari; un atteggiamento più offensivo avrebbe consentito la conquista del successo pieno. Prezioso punto esterno del Cosenza: una boccata d’ossigeno sulla impervia strada della permanenza tra i cadetti. A fine partita, i giocatori del Cosenza trovano la porta degli spogliatoi aperta e constatano la mancanza dei propri portafogli.

In Coppa Italia, l’incontro previsto ad Alessandria il 30 luglio 2017 per l’indisponibilità del “Moccagatta” è disputato al “Marulla”. Per la cronaca, la gara termina 3-2 dopo i tempi supplementari. Questa la sequenza delle reti: 87′ Fissore (aut.), 91′ Cazzola, 106′ Pascali, 109′ Celjak, 116′ Casasola.

Nella foto, lo stadio “Moccagatta” tratta dal sito www.museogrigio.it 

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social