Dalla rete di Polacchi a quella di Massimiliano Allegri: storia di Perugia-Cosenza

Ernesto Pescatore

Ernesto Pescatore

Perugia e Cosenza si sono incontrate in Umbria sei volte, tutte in serie B: quattro pareggi, una sola vittoria per i grifoni ed una per i lupi.

La prima gara nel campionato di serie B 1946-17; il 3 novembre, alla settima giornata, il Cosenza, apparso in netta ripresa, strappa un prezioso punto sul minuto e pesantissimo terreno del Perugia. Maiuscola prestazione dei lupi che, con un gioco volitivo e tecnico, sciorinano azioni scintillanti che sorprendono gli agguerriti umbri. Demaria autentico dominatore dell’attacco e rossoblù vicini al gol in più circostanze, ma il trio estremo dei padroni di casa, con un Nebbia insuperabile, ha evitato il peggio.

Il secondo incontro, il 9 maggio 1948, termina ancora con un pareggio, questa volta per 1-1: al cosentino Polacchi, in rete dopo appena sei minuti, risponde Lazzarini al 55’.

Le due formazioni si ritrovano dopo più di 46 anni, esattamente il 17 dicembre 1994. I “lupi”, in dieci per l’espulsione di Monza, escono indenni dal “Curi”. Zunico superstar salva la porta dal forcing finale degli umbri. Nel dopopartita il Presidente del Perugia, Gaucci, ammonisce la squadra mettendo in dubbio le capacità del complesso.

Il 14 aprile 1996, alla trentesima giornata, arriva la prima ed unica sconfitta per il Cosenza, che si deve inchinare alle reti di Negri all’8’ e di Massimiliano Allegri al 24’. La rete silana di Cristante al 50’. Una grande ripresa non basta a recuperare il risultato, già compromesso nei primi minuti da due errori difensivi. Lucarelli sciupa la palla del pari. L’infortunio occorso a Tatti dopo soli sei minuti complica i piani di Mutti.

La prima ed unica vittoria dei lupi arriva il 23 febbraio 2019, alla venticinquesima giornata: il Cosenza sale al “Renato Curi” di Perugia incerottato e con l’obiettivo di non perdere. Un forte vento condiziona moltissimo la gara e le trame di gioco delle due squadre. Al 17′ errato controllo in area di Moscati, Mungo gli ruba palla e Moscati lo stende in area: rigore. Un minuto dopo, per le proteste dei perugini, va dal dischetto Bruccini e spiazza Gabriel.L’ultimo incontro nella stagione 2019-20, il 9 dicembre (lunedì) alla quindicesima giornata, termina con uno scoppiettante 2-2. I grifoni passano in vantaggio al 18′: Iemmello anticipa Perina e di testa manda sul palo, il pallone gli rimbalza ancora davanti e mette in rete a porta vuota. Perugia vicino al raddoppio al 28′: Capone, servito da Iemmello, solo davanti a Perina lo supera con un pallonetto ma la palla si stampa sul palo e termina fuori. Inizia la ripresa: pronti, via, ed il Cosenza pareggia: Sciaudone raccoglie un bel pallone di Pierini a centro area e batte Vicario. Perugia nuovamente in vantaggio al 66′: su azione di calcio d’angolo, Falasco sfugge a Bruccini in elevazione ma colpisce il pallone nettamente con il braccio; il pallone termina in rete tra le forti proteste dei giocatori cosentini. L’arbitro estrae cartellini gialli (Braglia e Perina) e rossi (Trinchera ed Arnone). Ma la reazione del Cosenza stupisce e tre minuti dopo il pareggio è confezionato: Rivière raccoglie un cross dalla destra di Baez e anticipa quasi sulla linea di fondo portiere e difensore e mette in rete. Cosenza spumeggiante, Perugia che si chiude in difesa e cerca solo di ripartire. All’84′ occasionissima per i silani con D’Orazio che lascia partire un tiro da fuori area con Vicario che compie un vero miracolo nel deviare la palla. Tre minuti dopo è Rivière che gira in area al volo ma la palla termina di poco a lato. All’89′ invece è Bruccini ad avere la palla del vantaggio ma il suo tiro è messo in angolo dalla difesa del Perugia. Per la cronaca, D’Orazio raggiunge le 100 partite ufficiali con la maglia del Cosenza.

ULTIMI RISULTATI

CLASSIFICA

ULTIMI TWEET

Condividi la news

Condividi questa news cliccando sul social